Crollo di Santa Caterina, al lavoro per la messa in sicurezza

Crollo di Santa Caterina, al lavoro per la messa in sicurezza.
Nel punto crollato era stato programmato un intervento di manutenzione straordinaria la prossima settimana. Il punto crollato era stato oggetto di un intervento d’urgenza già nel periodo natalizio. Qui uno smottamento aveva evidenziato dei cedimenti sotto le pareti della fogna, che in un tratto precedente erano state oggetto di analogo problema due anni fa.

Le successive indagini con i robot -telecamera avevano evidenziato la necessità di un intervento più complesso, programmato per la prossima settimana.
Le piogge di questi giorni hanno però, evidentemente, avuto effetti devastanti, facendo precipitare la situazione.
Lo stato della rete fognaria in quella zona è particolarmente critico. Motivo per il quale l’Amministrazione ha recentemente affidato il rifacimento dell’intera rete fognaria di Via San Francesco d’Assisi (i lavori partiranno entro la primavera) e, nell’ambito dei lavori del PIU Europa, in variante rispetto al progetto originario, si sta procedendo al rifacimento della rete fognaria del tratto Via Giardini-Via Mazzini.
“Ringraziando il cielo, il crollo è avvenuto di notte e mentre nessuno auto o altro mezzo era in transito in quel tratto -commenta il Sindaco, Antonio Poziello-. Ci apprestavamo ad intervenire, sulla base delle indagini fatte con i robottini telecomandati, che avevamo mandato in fogna per verificare. Evidentemente, c’era una situazione peggiore di quella che le immagini dei robot ci aveva no rappresentato e che poteva emergere solo scavando”.
Il primo cittadino ribadisce “l’assoluta necessità ed urgenza di intervenire sulla rete fognaria del centro storico”. “C’è stata negli anni una scarsa attenzione alle fogne, che oggi è divenuta una assoluta priorità -prosegue-. Nel piano triennale, abbiamo previsto interventi su molte strade e molti interventi sono già in corso”.
La scorsa settimana l’amministrazione aveva avviato i lavori anche nel tratto terminale di Via Mattia Coppola, che dovrebbero completarlo a breve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *