Terra dei fuochi, maxioperazione a Giugliano. Il sindaco Poziello: “Lo Stato mostra i muscoli contro questi farabutti”. Video

Maxioperazione per il contrasto all’illecito sversamento dei rifiuti, in campo circa 100 uomini: 12 pattuglie del Raggruppamento “Campania” dell’Esercito italiano; 4 del Commissariato di P.S. di Giugliano; 2 pattuglie della Compagnia Carabinieri di Giugliano, 3 del Comando provinciale della Guardia di Finanza – Gruppo di Giugliano e 2 pattuglie e un elicottero del Comando Operativo Reparto Aeronavale Guardia di Finanza; funzionari dell’Arpac e dell’ASL, nonché 5 pattuglie del Comando Polizia Locale di Giugliano e 5 della  Polizia della Città Metropolitana. Circa un centinaio il personale delle forze dell’ordine impiegato dalle prime ore del mattino sul territorio a Nord di Napoli per contrastare il fenomeno degli sversamenti illegali di rifiuti e dei roghi tossici. Cinque le persone fermate per ricettazione, dieci i denunciati per reati ambientali, di cui cinque con precedenti per  rapina, ricettazione e spaccio. Scoperti numerosi lavoratori a nero.  Elevate multe per oltre centocinquantamila euro; sottoposte a sequestro un carro funebre con tanto di bara (vuota), sei autofficine, due opifici, un camion con un carico di bombole di gpl, una fabbrica di serramenti, tre automezzi carichi di inerti. Sottoposti a sequestro centocinquanta chilogrammi di rame, il tutto nella disponibilità della consorte di un pregiudicato e sottoposto al regime del 41bis. Sottoposti a sequestro tre auto e quattro autocarri, pezzi di ricambio e targhe di vetture di dubbia provenienza. Sequestrate tutte le attività concentrate in un’unica traversa di via Ripuara: una falegnameria, una carrozzeria ed una officina meccanica navale. Questi sono i risultati emersi, finora,  dall’operazione straordinaria di contrasto al trasporto e allo smaltimento abusivo di rifiuti sul territorio di Giugliano disposta dall’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi di rifiuti nella Regione Campania, Gerlando Iorio. L’iniziativa segue quella analoga sul territorio del Comune di  Castel Volturno secondo una linea di intervento di carattere squisitamente operativo, volto al controllo straordinario dei territori in cui è più diffuso il fenomeno dei roghi di rifiuti, mediante un’azione più incisiva con la partecipazione di tutte le Forze di Polizia e dell’Esercito. I dati relativi ai risultati conseguiti, seppure ancora parziali,  in quanto l’attività di controllo è ancora in corso, evidenziano l’efficacia del dispositivo adottato in sinergia con tutti gli uffici ed enti interessati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *